Acquistare casa in modo consapevole conoscendo i rischi del territorio

Picture of Elisa Boreatti
Condividi con
LinkedIn
Email
Print

INDICE DEI CONTENUTI
1. UNO SGUARDO AL PRESENTE: L’IMPORTANZA DI UN acquisto casa consapevole
2. PIANO DEL TERRITORIO: COS’È E QUALE OBIETTIVO PERSEGUE
3. COME È STRUTTURATO IN GENERALE IL PIANO DEL TERRITORIO
4. PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO: COS’È E A COSA SERVE
5. LA DUE DILIGENCE IMMOBILIARE DEVE CONTEMPLARE ANCHE L’ASSETTO DEL TERRITORIO
6. CONCLUSIONI


UNO SGUARDO AL PRESENTE: L’IMPORTANZA DI UN acquisto casa consapevoleE

Sono evidenti i gravi danni che gli eventi atmosferici stanno causando in questo periodo, purtroppo non solo in termini di danni materiali.

È noto altresì che in questo periodo lo Studio Boreatti & Colangelo dedica particolare attenzione a quella che potremmo definire “la cultura dell’acquisto della casa” e pertanto all’acquisto casa consapevole, stante l’importanza dell’investimento economico e le conseguenze patrimoniali e personali di un contratto d’acquisto di un immobile.

Oggi vogliamo capire se il primo dato di fatto può incidere, e in che termini, sul secondo.

Vuoi valutare un immobile con due diligence ma non sai a chi rivolgerti?
Contattaci per una consulenza.

PIANO DEL TERRITORIO: COS’È E QUALE OBIETTIVO PERSEGUE

Il piano del territorio è uno strumento di gestione e controllo dello sviluppo urbano di un’area geografica, inserendosi nel contesto della pianificazione territoriale ed urbanistica. Tra gli aspetti esaminati vi sono gli indici di rischio di un territorio, elaborati a livello regionale dal Programma Regionale integrato di mitigazione dei rischi.

Il servizio si basa su un visualizzatore cartografico per consultare i dati ed estrarre quelli di una porzione di territorio regionale. Questo permette di conoscere i rischi naturali e/o antropici ivi presenti e fare un acquisto casa consapevole.

COME È STRUTTURATO IN GENERALE IL PIANO DEL TERRITORIO

Il piano del territorio deriva da una fase di ricerca e raccolta dati e un esame degli stessi, da cui individuare soluzioni per ridurre i rischi territoriali oggetto d’esame.

Il piano del territorio interessa diversi ambiti di indagine:

  1. Piano regolatori generali (PRG) che definiscono quale sia l’utilizzo che deve essere fatto del suolo urbano ed extraurbano e individuano quali siano le zone residenziali, commerciali, etc.
  2. Piani di assetto dl territorio (PAT) che hanno l’obiettivo di tutelare e valorizzare il territorio e di cui parleremo a breve).
  3. Piani territoriali di coordinamento (PTC).

PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO: COS’È E A COSA SERVE

Il piano di attestato del territorio come abbiamo visto è compreso nel più ampio “piano del territorio” ma il suo focus è rivolto agli aspetti come la tutela del paesaggio, la gestione delle risorse naturali e la mitigazione dei rischi.

Esso quindi si sviluppa secondo la di seguito indicata logica:

  1. Raccolta e analisi dei dati: viene svolta una mappatura del territorio, l’inventario delle risorse e viene redatto uno “storico” degli eventi che hanno caratterizzato la zona.
  2. Identificazione dei rischi: vengono individuati i rischi naturali e quelli antropici e viene fatta una analisi della vulnerabilità del territorio.
  3. Valutazione e modellazione del rischio: vengono esaminate le probabilità di verificazione degli eventi rischiosi e l’impatto potenziale degli stessi in modo da determinare quelli che possono essere i danni potenziali.
  4. Strategie di mitigazione e adattamento: vengono esaminate le normative di costruzione nell’area oggetto di esamine, vengono individuate le procedure di evacuazione e i piani di ripristino post evento. Ma non solo viene predisposto un piano di informazione e formazione della popolazione sui rischi e sulle pratiche di sicurezza.
  5. Implementazione del piano: vengono previsti dei limiti di sviluppo proprio tenuto in conto delle aree di rischio, vengono realizzate delle opere di difesa (ad esempio le cosiddette barriere antialluvione, il consolidamento dei versanti, etc.) e vengono previste delle opere di monitoraggio sulle predette infrastrutture.
  6. Revisione e aggiornamento: regolarmente viene fatto un controllo dell’efficacia delle misure adottate al fine di un loro aggiornamento tenuto in conto anche dei nuovi eventuali scenari di rischio che quel particolare territorio può presentare.

LA DUE DILIGENCE IMMOBILIARE DEVE CONTEMPLARE ANCHE L’ASSETTO DEL TERRITORIO

La due diligence immobiliare e il piano di assetto del territorio sono due aspetti chiave nello sviluppo e gestione del territorio che si influenzano reciprocamente.

La due diligence è un processo di verifica e analisi di un immobile che un investitore o acquirente effettua prima dell’acquisto.

Eseguendo la due diligence, il piano del territorio va esaminato per verificare la conformità dell’uso dell’immobile alle normative e questa analisi può incidere sulla determinazione del valore.

CONCLUSIONI

Alla luce di quanto detto, si comprende ancora di più l’importanza di un’approfondita due diligence immobiliare prima di effettuare un acquisto, per conoscere tutti i rischi territoriali.

TI AFFIANCHIAMO

Perché è importante informarsi prima?

Naviga tra gli articoli che trattano argomenti simili

CATEGORIE

Sei in un soggetto sovraindebitato?
Risolvi la tua situazione!

Compila il modulo per richiedere una consulenza gratuita e senza impegno.

[*] campo obbligatorio

ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO “Come fare per non morire più di debiti?”

SCOPRI DI Più