CODICE DELLA STRADA: Il superamento del limite di velocità “di poco” non è sufficiente per giustificare l’annullamento del verbale di infrazione

Elisa Boreatti

TAG:

Corte di Cassazione, ordinanza nr. 6018/2019

La Suprema Corte con ordinanza nr 6018/2019 ha stabilito infatti che

«l’entità minima dello sforamento del limite di velocità» (nel caso di specie 2 km/h)  non basta per considerare acclarata «la buonafede dell’automobilista», dando per scontato che ella «sia transitata dinanzi alla postazione di controllo nella convinzione di non superare il limite segnalato».

 

La Cassazione infatti ritiene che per integrare la buona fede del conducente (che rileva come causa di esclusione della responsabilità amministrativa) devono concorrere:

–  elementi  idonei ad ingenerare nell’autore della violazione il convincimento della liceità della sua condotta

– deve emergere che il trasgressore abbia fatto tutto il possibile per conformarsi al precetto di legge, onde nessun rimprovero possa essergli mosso.

Si allega il testo dell’ordinanza

Corte di Cassazione, ordinanza nr. 6018/2019

LinkedIn
Email
Print

LE NOSTRE SEDI

MILANO

Via Montepulciano, 13 – 20124 Milano
Tel: 02 3962 6997 • Fax: 02 3980 0033

VENEZIA

Santo Stino di Livenza, Viale Trieste, 76 – 30029 Venezia
P.IVA IT08921750967
© Boreatti Colangelo Studio Legale Associato

Website Designed by MYPlace Communications