DIRITTO CONDOMINIALE: Aiuto, c’è da rifare la facciata … ma ci sono i bonus!

Picture of Elisa Boreatti
Condividi con
LinkedIn
Email
Print

Oggi partiamo da una domanda: cosa succede quando il condominio, ricevuta la convocazione da parte dell’amministratore, legge l’ordine del giorno e scopre bisogna rifare la facciata condominiale?

Nel corso dell’assemblea, il nostro condomino, insieme agli altri, sarà dunque chiamato a deliberare.

Alla decisione di rifare la facciata, si è arrivati piano piano: dapprima è stato dato l’incarico ad un professionista perché stilasse un capitolato, poi è stata indetta una gara con relativo deposito delle buste da parte delle imprese chiamate a partecipare. Infine, eccoci al dunque: i maledettissimi lavori sono da fare.

Il nostro condomino è disperato: dovrà riferire, chi alla moglie chi al marito, l’assoluta necessità della spesa, che creerà scompensi famigliari, perché a qualcosa si dovrà rinunciare.

Ma improvvisamente, ecco che una luce tra la nubi rischiara il cielo e i pensieri del povero condominio: l’amministratore parla di un bonus!

UN bonus fiscale per i lavori che si andranno a fare.

Ma cosa sono questi bonus fiscali? Non sono altro che delle agevolazioni, volte a risollevare il mercato dell’edilizia, concesse dallo Stato sotto forma di detrazioni e/o vantaggi fiscali.

L’amministratore argomenta in assemblea, e qui l’umore del nostro condomino migliora a vista d’occhio e la sua espressione da truce diventa giuliva, che ne esistono diversi, ma che l’ultimo in approvazione con la legge di bilancio 2020 è una bomba.

Infatti, dal primo gennaio 2020 il disegno di legge di bilancio prevede, a favore di tutti quei soggetti che andranno a svolgere lavori sulle facciate condominiali o delle proprie abitazioni, il c.d. “bonus facciate”, in forza del quale sarà possibile portare in detrazione il 90% delle spese sostenute, senza limiti di spesa o di reddito, per il rifacimento delle facciate. Tale rifacimento include dai semplici interventi di tinteggiatura fino alla ripulitura ed alla intonacatura, prospetti di facciata, ringhiere, decorazioni, marmi, canali di gronda e tutti i sistemi di smaltimento delle acque piovane, impianti di illuminazione e cavi TV e, se ci sono cavi penzolanti sulle facciate, sarà possibili metterli sotto traccia.

Per tali detrazioni decisiva è l’effettuazione della spesa nel 2020. La detrazione sarà spalmabile in dieci anni dalle singole dichiarazioni dei redditi.

Ma se abbiamo già iniziato i lavori nel 2019 o nel 2018 e nel 2020 dobbiamo unicamente saldare il conto, siamo esclusi da questo bonus? A rigor di logica no, purché il pagamento avvenga nel 2020.

Inoltre, questo bonus facciate è cumulabile con altre agevolazioni: la misura non va in conflitto con le altre su risparmio energetico e ristrutturazioni, quindi si potrà tinteggiare la facciata e contestualmente eseguire interventi che rientrano nell’ecobonus usufruendo di entrambe le detrazioni (quella per le facciate al 90% – senza limiti di spesa e prevista solo per il 2020 – e quella sull’efficientamento energetico al 65%).

Il nostro condomino, a questo punto, dopo la descrizione di questa meraviglia di agevolazione concessa dallo Stato, è più tranquillo e guarda al lavoro da farsi senza troppe ansie, speranzoso che, con la conversione in legge, tale agevolazione resti nella forma proposta e non subisca modifiche di sorta.

Riproduzione riservata

 

Avv. Gennaro Colangelo

Naviga tra gli articoli che trattano argomenti simili

CATEGORIE

Sei in un soggetto sovraindebitato?
Risolvi la tua situazione!

Compila il modulo per richiedere una consulenza gratuita e senza impegno.

ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO “Come fare per non morire più di debiti?”

SCOPRI DI Più