DIRITTO CONDOMINIALE: Il regolamento condominiale è derogabile dalla delibera che recepisce la normativa imperativa in punto di riscaldamento

Elisa Boreatti
Condividi con
LinkedIn
Email
Print

Tribunale di Milano, sezione XIII, relatore Dr.ssa Zuffada, Sentenza numero 10703/2018

 

La normativa contenuta nel d.lgs n. 102/2014 e sue successive modifiche (Imposizioni circa la contabilizzazione e termoregolazione del calore nei condominii con impianto di riscaldamento centralizzato e la ripartizione delle spese a consumo) ha finalità pubblicistica ed assurge quindi a «normativa imperativa vincolante inderogabile» dato che tale disciplina è diretta a tutelare un interesse generale e non meramente privatistico. Pertanto, tutti i regolamenti contrattuali che dispongono diversamente sono, sul punto,
contrari a legge.

 

Il Tribunale in ragione di quanto sopra evidenzia che “ … il nuovo criterio di ripartizione delle spese di riscaldamento ha carattere imperativo e, pertanto, non può essere derogato né da una delibera assembleare né da una norma di natura contrattuale del regolamento di condominio…” .

Per l’anzidetto motivo, quindi, l’organo giurisdizionale adito afferma che  la delibera assembleare che modifica il regolamento condominiale di tipo contrattuale adeguando le disposizioni dello stesso alla normativa di cui al d. lgs 102/2014 è perfettamente valida ed efficace.

Avv. Gennaro Colangelo

Si allega il testo della sentenza:

Tribunale di Milano, Sezione XIII, relatore Dr.ssa Zuffada, sentenza numero 10703/2018

Naviga tra gli articoli che trattano argomenti simili

CATEGORIE

Sei in un soggetto sovraindebitato?
Risolvi la tua situazione!

Compila il modulo per richiedere una consulenza gratuita e senza impegno.

ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO “Come fare per non morire più di debiti?”

SCOPRI DI Più