DIRITTO CONDOMINIALE: In assenza della indicazione dei compensi dell’amministratore, la delibera è nulla

Picture of Elisa Boreatti
Condividi con
LinkedIn
Email
Print

Tribunale di Milano sentenza numero 828, XIII sezione, 23/01/2018

 

L’articolo 1129 comma 14 c.c. dispone che “ … l’amministratore, all’atto dell’accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve specificare analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l’importo dovuto a titolo di compenso per l’attività svolta …” .

 

Tale norma mira a garantire la massima trasparenza a favore dei condomini e a renderli edotti delle singole voci di cui si compone l’emolumento dell’organo gestorio al momento del conferimento del mandato.

Il Tribunale di Milano, in ragione di quanto sopra ed interpretando letteralmente la norma in questione, ha affermato che in assenza della specificazione analitica del compenso da parte dell’amministratore la delibera di nomina dell’amministratore stesso è nulla.

Avv. Gennaro Colangelo

Si allega:

Tribunale di Milano, sentenza nr. 828 del 23 gennaio 2018

Naviga tra gli articoli che trattano argomenti simili

CATEGORIE

Sei in un soggetto sovraindebitato?
Risolvi la tua situazione!

Compila il modulo per richiedere una consulenza gratuita e senza impegno.

[*] campo obbligatorio

ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO “Come fare per non morire più di debiti?”

SCOPRI DI Più