DIRITTO DI FAMIGLIA: Il padre che riconosce successivamente il figlio può anteporre il suo cognome a quello della madre

Elisa Boreatti
Condividi con
LinkedIn
Email
Print

Corte di Cassazione, ordinanza nr. 18161 depositata il 5 luglio 2019

FATTO

Il signor XXX ha riconosciuto la figlia YYY successivamente alla di lei madre, signora ZZZ.

Il signor XXX ha quindi proposto ricorso al Tribunale di Tivoli per vedere anteposto il proprio cognome a quello della madre.

Il Tribunale ha accolto il ricorso e la  Corte d’Appello di Roma ha confermato sentenza di primo grado.

La signora  ZZZ ha proposto quindi ricorso per cassazione deducendo la  violazione e falsa applicazione dell’articolo 262c.c laddove prevede che il figlio debba assumere il cognome del genitore che per primo lo ha riconosciuto e contestando l’affermazione della  Corte secondo cui l’anteposizione del cognome corrisponderebbe all’interesse superiore della minore.

 

LA POSIZIONE DELLA SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

La Corte ha espresso il seguente principio in materia di attribuzione giudiziale del cognome al figlio nato fuori dal matrimonio e riconosciuto non contestualmente dai genitori: il giudice deve rifarsi all’interesse superiore del fanciullo al fine di evitare in danno alla sua personalità. Pertanto il Supremo Organo ha evidenziato che il giudice di merito ha correttamente optato per l’anteposizione del cognome paterno a quello materno in quanto in tal modo non ha voluto attribuire rilievo identitario al collocamento della piccola presso la madre, ma ha salvaguardato il valore della bigenitorialità.

Si allega il testo dell’ordinanza

Corte di Cassazione, ordinanza nr. 18161 depositata il 5 luglio 2019

Naviga tra gli articoli che trattano argomenti simili

CATEGORIE

Sei in un soggetto sovraindebitato?
Risolvi la tua situazione!

Compila il modulo per richiedere una consulenza gratuita e senza impegno.

ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO “Come fare per non morire più di debiti?”

SCOPRI DI Più