DIRITTO DI FAMIGLIA: Il procedimento di divorzio congiunto prosegue anche se uno dei due coniugi revoca il consenso

Picture of Elisa Boreatti
Condividi con
LinkedIn
Email
Print

[column width=”1/1″ last=”true” title=”” title_type=”single” animation=”none” implicit=”true”]

Corte di Cassazione, Sezione VI Civile, ordinanza nr. 19540 dep. 24.07.2018

FATTO

Due coniugi hanno presentato domanda congiunta di divorzio, ma all’udienza di comparizione del coniugi la donna aveva revocato il consenso precedentemente prestato.

TRIBUNALE

Il Tribunale, tenuto in conto del revocato consenso, ha dichiarato improcedibile la domanda congiunta di cessazione degli effetti civili del matrimonio.

 

CORTE DI APPELLO

Il marito ha proceduto ad impugnare la sentenza dinnanzi la Corte d’Appello che ha rigettato il gravame.

CORTE DI CASSAZIONE

Il marito deposita ricorso dinnanzi la Suprema Corte presentando tre motivi di gravame.

La Corte di Cassazione con ordinanza nr. 19540/18 del 24 luglio us accoglie il ricorso stabilendo che “deve escludersi che … la revoca del consenso da parte dell’intimata comportasse l’arresto del procedimento, dovendo il tribunale provvedere ugualmente all’accertamento dei presupposti per la pronuncia del divorzio, per poi passare in caso di esito positivo della verifica, all’esame delle condizioni concordate dai coniugi, valutandone la conformità a norme inderogabili ed agli interessi della figlia minore”.

Si allega il testo dell’ordinanza:

Corte di Cassazione, Sezione VI Civile, ordinanza nr. 19540 dep. 24.07.2018

[/column]

Naviga tra gli articoli che trattano argomenti simili

CATEGORIE

Sei in un soggetto sovraindebitato?
Risolvi la tua situazione!

Compila il modulo per richiedere una consulenza gratuita e senza impegno.

[*] campo obbligatorio

ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO “Come fare per non morire più di debiti?”

SCOPRI DI Più