Amministratore di condominio

Condividi con
LinkedIn
Email
Print

L’amministratore di condominio riveste un ruolo fondamentale nella gestione e nel mantenimento dell’edificio, attuando le decisioni prese in assemblea e occupandosi di aspetti che vanno dalla manutenzione ordinaria alla salvaguardia dei beni comuni.

Le sue responsabilità includono sia compiti esecutivi, come l’implementazione delle delibere assembleari, sia obblighi amministrativi, quali le questioni fiscali e tributarie. Secondo l’articolo 1129, comma 1, del codice civile, modificato dalla legge n. 220/2012 e in vigore dal 18 giugno 2013, nei condomini con più di otto unità la nomina di un amministratore diventa obbligatoria e può essere effettuata dall’autorità giudiziaria su richiesta di uno o più condomini o dell’amministratore uscente. Tale obbligatorietà, stabilita dall’articolo 1129, comma 1, c.c., è considerata una norma imprescindibile, come confermato dall’articolo 1138, ultimo comma, c.c., rendendo invalide qualsiasi disposizioni contrarie presenti nel regolamento di condominio, anche se approvate all’unanimità dai condomini.