DIRITTO CONDOMINIALE: Impianto centralizzato – Corte di Cassazione sezione VI sottosezione 2 – ordinanza 29.11.2017 nr. 28616

Elisa Boreatti
Condividi con
LinkedIn
Email
Print

[column width=”1/1″ last=”true” title=”” title_type=”single” animation=”none” implicit=”true”]

 

CONDOMINIO

Corte di Cassazione – sezione VI civile sottosezione 2 – ordinanza del 29.11.2017 nr. 28616

Presidente Petitti – Relatore Falaschi

L’impianto centralizzato (in questo caso di distribuzione dell’acqua potabile) costituisce un “accessorio di proprietà comune”, circostanza che obbliga i condomini a pagare le spese di manutenzione e conservazione dell’impianto condominiale, salvo che il contrario risulti da regolamento condominiale. Ne consegue che qualora un condomino si distacchi dall’impianto centralizzato, sempre che questo non comporti effetti pregiudizievoli sul funzionamento di quest’ultimo, egli è esonerato dal pagamento delle spese per il consumo ordinario, ma non dal pagamento delle spese relative ai costi di manutenzione.

Allegato pdf della sentenza: Corte di Cassazione – sezione VI civile sottosezione 2– ordinanza del 29.11.2017 nr. 28616

[/column]

Naviga tra gli articoli che trattano argomenti simili

CATEGORIE

Sei in un soggetto sovraindebitato?
Risolvi la tua situazione!

Compila il modulo per richiedere una consulenza gratuita e senza impegno.

ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO “Come fare per non morire più di debiti?”

SCOPRI DI Più