LA SENTENZA: Cosa succede se manca il certificato di abitabilità dell’immobile acquistato?

Elisa Boreatti

TAG:

Corte di Cassazione, sezione VI Civile, ordinanza nr. 12226 depositata il 18 maggio 2018

Gli acquirenti hanno chiesto al Tribunale e poi alla Corte d’Appello che venisse dichiarata la risoluzione del contratto per inadempimento del venditore e anche la dichiarazione di nullità de contratto stesse.

Le Autorità Giudiziarie di primo e secondo grado hanno rigettato le domande in quanto hanno ritenuto che la mancata consegna del certificato di abitabilità da parte del venditore non determina automaticamente la risoluzione del contratto, dovendo verificarsi la gravità dell’inadempimento

Dello stesso avviso anche la Corte di Cassazione che ha rigetto la domanda degli acquirenti partendo da questo principio “in tema di compravendita immobiliare, la mancata consegna al compratore del certificato di abitabilità non determina, in via automatica, la risoluzione del contratto preliminare per inadempimento del venditore, dovendo essere verificata in concreto l’importanza e la gravità dell’omissione in relazione al godimento e alla commerciabilità del bene, sicché, ove in corso di causa si accerti che l’immobile promesso in vendita presentava tutte le caratteristiche necessarie per l’uso suo proprio e che le difformità edilizie rispetto al progetto originario erano state sanate a seguito della presentazione della domanda di concessione in sanatoria, del pagamento di quanto dovuto e del formarsi del silenzio-assenso sulla relativa domanda, la risoluzione non può essere pronunciata”.

Si allega il testo dell’ordinanza:

Corte di Cassazione, sezione VI Civile, ordinanza nr. 12226 depositata il 18 maggio 2018

LinkedIn
Email
Print

LE NOSTRE SEDI

MILANO

Via Montepulciano, 13 – 20124 Milano
Tel: 02 3962 6997 • Fax: 02 3980 0033

VENEZIA

Santo Stino di Livenza, Viale Trieste, 76 – 30029 Venezia
P.IVA IT08921750967
© Boreatti Colangelo Studio Legale Associato

Website Designed by MYPlace Communications