PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE: Se viene sollevata in giudizio una eccezione di improcedibilità ex art 5 d.lgs 28/2010, il mediatore può essere chiamato quale testimone sulla cd fase di identificazione delle parti nel procedimento di mediazione qualora il verbale redatto in quella occasione presenti delle lacune – Tribunale di Udine, Sezione I Civile – ordinanza del 7 marzo 2018

Elisa Boreatti

TAG:

[column width=”1/1″ last=”true” title=”” title_type=”single” animation=”none” implicit=”true”]

L’art. 10 del d.lgs 28/2010 stabilisce il principio di riservatezza del procedimento di mediazione, il divieto di dar corso alla prova testimoniale in ordine alle dichiarazione delle parti, nonché l’impossibilità per il mediatore di deporre sul contenuto delle dichiarazioni rese e delle informazioni acquisite nel corso del procedimento. Il Tribunale di Udine, richiamando anche una ordinanza del Tribunale di Roma, si è pronunciato nel senso di ritenere che detto principio riguarda le dichiarazioni delle parti riferite al solo contenuto sostanziale dell’incontro di mediazione e pertanto non possa essere applicato alle dichiarazioni che le parti rendono nella fase di identificazione delle stesse tutte quelle volte in cui il verbale di mediazione risulti lacunoso ed il mediatore non abbia correttamente e dettagliatamente trascritto tutte le circostanze inerente la partecipazione dei soggetti.

Il Giudice nel momento in cui, terminata la mediazione, sia chiamato a pronunciarsi ex art 5 del d.lgs 28/2010 in punto di improcedibilità della domanda per mancata partecipazione personale della controparte all’incontro di mediazione,  deve poter verificare l’effettiva presenza o meno del soggetto accertando e conoscendo gli elementi fattuali di cui alla cd fase di identificazione in sede di mediazione. Ne consegue che se tale verifica risulti impedita per una incompiuta verbalizzazione non si può ritenere di per sé inammissibile l’istanza di prova orale formulata dalla parte destinataria della eccezione di improcedibilità e volta a provare la propria presenza all’incontro di mediazione.

Sul sito dello Studio Legale Boreatti Colangelo & Partners si segnalano altri interventi sull’argomento.

avv. Elisa Boreatti

Riproduzione riservata

Allegato pdf della ordinanza – fonte da cui è stata tratta l’ordinanza è il caso.it:

Tribunale di Udine, Sezione I Civile – ordinanza del 7 marzo 2018

[/column]

LinkedIn
Email
Print

LE NOSTRE SEDI

MILANO

Via Montepulciano, 13 – 20124 Milano
Tel: 02 3962 6997 • Fax: 02 3980 0033

VENEZIA

Santo Stino di Livenza, Viale Trieste, 76 – 30029 Venezia
P.IVA IT08921750967
© Boreatti Colangelo Studio Legale Associato

Website Designed by MYPlace Communications